Acqui TermeIMPORTANTE

Il Dpcm in vigore dal 16 gennaio al 5 marzo

Giovedì 14 gennaio è stato siglato il nuovo Dpcm con le disposizioni relative al contenimento e la gestione dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Il decreto sarà in vigore dal 16 gennaio al 5 marzo 2021.

Queste in sintesi leprincipali disposizioni:

Sono confermate le disposizioni inerenti: l’obbligo di indossare la mascherina, di rispettare il distanziamento interpersonale, la sospensione delle manifestazioni pubbliche (se non in forma statica), la chiusura di palestre, piscine, sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, la sospensione degli spettacoli aperti al pubblico in teatri, sale da concerto, cinema, le attività quali discoteche e sale da ballo, i convegni, i congressi e gli altri eventi se non svolti in modalità a distanza.

Inoltre il Dpcm prevede il divieto di spostamento tra regioni e province autonome dal 16 gennaio al 15 febbraio 2021, indipendentemente dalla “colorazione” della regione di appartenenza

A queste disposizioni, che valgono per l’intero territorio nazionale, ogni Regione dovrà poi aggiungere anche l’applicazione delle disposizioni specifiche per l’area di rischio nella quale sarà inserita attraverso una ordinanza del Ministro della Salute.

Il Piemonte e la Liguria sono inserite, a partire da domenica 17 gennaio, in area arancione, pertanto saranno sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, bar, gelaterie, pasticcerie). Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, nonchè la ristorazione con asporto fino alle 22, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Chi svolge come attività prevalente una di quelle identificate dai codici ATECO: 56.3 (bar e altri esercizi simili senza cucina), 47.25 (commercio al dettaglio di bevande) l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18.00. Quest’ultima disposizione vale per tutto il territorio nazionale, a prescindere dalla colorazione della propria area, ed è in vigore a partire da sabato 16 gennaio 2021.

Questo il testo del decreto

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button